Tron 3, forse ci siamo: via libera da Disney, Jared Leto sarà il protagonista

A quanto pare finalmente Disney ha dato il via libera per le riprese di un nuovo progetto ambientato in uno dei pilastri della sci-fi informatica/videoludica.

A quanto pare Tron 3 si farà: dopo anni di tentativi e false partenze, Disney avrebbe dato il via libera per un terzo capitolo cinematografico di uno dei pilastri della fantascienza informatica/videoludica. Il regista sarebbe Garth Davis, che si è fatto notare per aver diretto nel 2016 Lion - La strada verso casa (6 nomination agli Oscar, tra cui miglior film) e nel 2018 Maria Maddalena. Il protagonista dovrebbe essere Jared Leto, ovvero il Joker di Suicide Squad e superstar di tanti altri film, tra cui Dallas Buyers Club, Requiem For a Dream e Blade Runner 2049.

Garth Davis non è noto per la produzione di blockbuster ad alto budget, come abbiamo visto, ma a quanto pare crede tantissimo nel progetto - sarebbe stato proprio lui a inseguirlo con decisa insistenza, finendo per ottenere l'approvazione dell'esecutivo Disney. L'attuale versione della sceneggiatura sarebbe stata stesa da Jesse Wigutow, relativamente nuovo del giro. Jared Leto stesso si occuperebbe invece anche della produzione, insieme a Justin Springer ed Emma Ludbrook.

Al momento non ci sono informazioni sulla trama o sulla sinossi del film: il capitolo originale, uscito al cinema nel 1982, vedeva un hacker, Flynn, interpretato da Jeff Bridges, intrappolato in un programma chiamato The Grid e costretto a partecipare a giochi mortali. Non fu un grande successo al botteghino e le recensioni furono tiepide, ma gli effetti speciali, tra cui le famose "moto digitali" con la scia colorata, lasciarono il segno nelle generazioni future ed elevarono il film allo stato di culto. Nel 2010 è uscito il primo sequel, Tron Legacy, che racconta la storia del figlio di Flynn. Le recensioni sono state di nuovo tiepide, così come l'accoglienza al botteghino. Ma anche in questo caso qualcosa è passato alla storia - la colonna sonora del duo di musica elettronica Daft Punk.


Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da ASUS eShop a 699 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Netflix ci porta su Marte con la nuova serie Away | Trailer

Netflix ha annunciato la sua nuova serie originale: si chiama Away e ci porta su Marte.

E mentre l'uomo si prepara ad andare su Marte - 1 milione di persone entro il 2050 secondo Elonk Musk - è Netflix ad anticipare tutti con Away, una nuova serie originale annunciata soltanto pochi minuti fa dal colosso dello streaming digitale e in arrivo il prossimo 4 settembre.

Lo spettacolo ha come protagonista Hilary Swank, la vincitrice di due premi Oscar, nei panni di Emma Green, un'astronauta impegnata in una pericolosa missione su Marte alla guida di un equipaggio internazionale che deve fare i conti non solo con un dramma familiare a milioni di km da casa, ma anche con vari dissidi tra i vari astronauti all'interno dell'ATLAS.

La serie TV è stata creata da Andrew Hinderaker e vede come altri interpreti Mark Ivanir, Ato Essandoh, Ray Panthaki, Vivian Wu e Monique Curnen. A seguire il trailer ufficiale e tutte le novità di agosto in arrivo su Netflix.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Elon Musk: piramidi costruite da alieni. L’Egitto (ovviamente) dissente

Le Piramidi sono state costruite dagli Alieni, l’incredibile rivelazione di Elon Musk su Twitter

Di recente il nostro Elon Musk è stato protagonista dell'ennesimo tweet in grado di infiammare il web, sì perché il CEO di SpaceX è noto per intervallare la normale condivisione di aggiornamenti sui progetti più innovativi delle sue aziende (di recente su Neuralink per fare un esempio) a vere e proprie uscite a gamba tesa sugli argomenti più disparati. Se tiriamo in ballo il principio "parlane bene o parlane male, l'importante è che se ne parli", Musk probabilmente non ha rivali.

Così, dopo aver proclamato l'intenzione di portare su Marte oltre 1 milione di persone entro il 2050, l'incredibile svolta di stampo archeologico di fine luglio ha intrattenuto la sua vasta community di follower.

Tutto è nato da questo tweet del 31 luglio, ritwittato oltre 86.000 volte ed apprezzato da circa 545.000 utenti:


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

La Casa di Carta: la stagione 5 sarà quella finale, produzione in corso

La Casa di Carta, la stagione 5 sarà quella conclusiva

Ed anche per la popolare serie Netflix, La Casa di Carta, è arrivato il momento di annunciarne la fine, la storia si chiuderà con la stagione 5.

I lavori di produzione cominceranno a breve, il 3 agosto, in varie location europee come Spagna, Danimarca e Portogallo. Come avvenuto per altri contenuti, la pandemia da COVID-19 ha causato notevoli rallentamenti sia nell'industria cinematografica che in quella dello streaming casalingo, pertanto prima dell'annuncio ufficiale si sono susseguiti diversi mesi di rumor che hanno tenuto sulle spine tutti i fan della creazione di Alex Pina.

Proprio riguardo la stagione finale, il creatore e produttore esecutivo ha commentato dicendo: "abbiamo pensato per oltre un anno a come far sciogliere la banda mettere il professore alle corde e portare alcuni personaggi in situazioni irreversibili. Il risultato è la Parte 5 di La Casa di Carta. La battaglia raggiunge i livelli più estremi e selvaggi, ma la stagione è quella più eccitante ed epica di sempre"


Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 505 euro oppure da Unieuro a 588 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

UFO, il Pentagono rilascerà parte delle informazioni raccolte

Potremmo scoprire tantissime nuove informazioni su una delle teorie del complotto più longeve e affascinanti di sempre.

Il Pentagono potrebbe svelare pubblicamente parte delle proprie indagini sugli UFO. Termine fortemente radicato nell'immaginario collettivo come sinonimo di "alieni", anche grazie a innumerevoli film, show televisivi e altri elementi della cultura pop degli ultimi 50+ anni, il fenomeno degli oggetti volanti non identificati è sempre rimasto oggetto delle attenzioni delle forze militari a stelle e strisce; anche se adesso il termine corrente è UAP, Unidentified Aerial Phenomena, o fenomeno aereo non identificato, e al posto degli "omini verdi" la preoccupazione principale è che potenze straniere ottengano nuovi velivoli che costituiscano potenziale minaccia per gli USA.

Nell'ultimo periodo il Pentagono aveva detto di aver smesso con il programma, ma l'informazione si è rivelata sbagliata, e si sono continuate a tenere riunioni top secret per discutere di avvistamenti. A quanto pare l'iniziativa è ora portata avanti dalla ONI, la sezione di intelligence della Marina americana. Il senatore della Florida Marco Rubio vuole che la ONI prepari un rapporto pubblico sullo stato delle proprie indagini: capita spesso che dei velivoli non identificati (degli UFO, a tutti gli effetti) sorvolino le basi militari americane o le sedi delle esercitazioni, ed è importante capire chi li controlli e quali siano le loro intenzioni. A quanto pare se ne occupa la ONI perché queste interferenze riguardano principalmente la Marina.

A quanto pare, il programma ha nel tempo accumulato diverse testimonianze di avvistamenti di veicoli sconosciuti che volano ad alta velocità e che non mostrano un sistema di propulsione immediatamente riconoscibile; e di velivoli in grado di librarsi in aria senza un sistema di decollo identificabile. Non è chiaro quali e quanti dati il Pentagono dovrà, potrà o vorrà rilasciare, ma è lecito assumere che si tratterà di una mole di dati ben più consistente dei tre video di qualche mese fa (che peraltro erano già noti, qui si parla di materiale inedito); e che alimenterà le discussioni di appassionati di questa affascinante teoria del complotto in tutto il mondo per un bel po' di tempo.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Hawkeye: spunta il nome di Hailee Steinfeld per il ruolo di Kate Bishop

Secondo nuovi rumor, Hailee Steinfeld vestirà i panni di Kate Bishop nella serie TV Marvel, Hawkeye.

Hawkeye, l'attesa serie televisiva basata sul celebre personaggio Marvel "Occhio di Falco", in arrivo prossimamente su Disney+, torna sotto la luce dei riflettori, grazie a nuove indiscrezioni riguardanti uno dei personaggi più importanti che prenderanno parte al progetto.

Lo stop forzato causato dall'emergenza pandemia ha purtroppo colpito duramente questa serie, che ha addirittura rischiato la cancellazione. Tuttavia, sembra che la macchina da presa sia pronta per il primo ciak, e dopo le ultime conferme sull'ingresso nel cast di Amber Finlayson e Katie Ellwood, è da poco emerso il nome di Hailee Steinfeld per il ruolo dell'arciera Kate Bishop.

Secondo la testata Illuminerdi, l'attrice e cantante statunitense dovrebbe vestire i panni dell'allieva di Clint Barton, con l'obiettivo di raccogliere l'imponente eredità del primo Occhio di Falco.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tenet arriverà prima in Italia che negli USA: nelle sale dal 26 agosto

Tenet, il nuovo film di Nolan, arriverà in Italia molto prima che negli Stati Uniti: gli effetti positivi della quarantena cominciano a farsi sentire

Tenet, il prossimo film di Christopher Nolan, è stato nuovamente rinviato di qualche settimana - dopo il posticipo anticipato a fine giugno - e il nuovo calendario di rilascio ci mostra una situazione davvero particolare: gli Stati Uniti non sono in prima fila e vedranno arrivare la pellicola con diverse settimane di ritardo.

Sparisce, infatti, l'idea di procedere con un lancio in simultanea - o comunque molto ravvicinato - in tutto il mondo, sostituita da una programmazione che permetterà ai diversi Paesi di dare il via alle proiezioni di Tenet in maniera scaglionata. Il criterio scelto per stabilire le nuove date di rilascio non ha nulla a che fare con il mondo del cinema in sé, bensì è strettamente legato all'evolversi dell'emergenza sanitaria globale e alla gestione che i singoli Stati hanno messo in atto per contenere la diffusione e la crescita dei contagi.

Insomma, le date di rilascio di Tenet permettono di capire quali sono state le nazioni virtuose, ovvero quelle che hanno fatto del loro meglio - anche a costo di grandi sacrifici - per accelerare il rientro alla normalità. All'interno di questa lista, l'Italia viene premiata con un posizionamento in prima fascia, ovvero quella in cui il film verrà proiettato il 26 agosto, mentre gli USA dovranno attendere il 3 settembre (e si parla solo di un gruppo limitato di città) e il Giappone addirittura il 18 settembre.


Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 209 euro oppure da Amazon a 259 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Star Trek Discovery, terza stagione in anteprima il 15 ottobre su CBS All Access

Star Trek: Discovery, terza stagione in arrivo il 15 ottobre su CBS All Access

Durante il recente Comic-Con @Home si è parlato di promettenti serie TV come Lovecraft Country, ma non è arrivata nessuna indiscrezione sul proseguo di Star Trek: Discovery e quasi sicuramente moltissimi tra i fan del franchise saranno rimasti delusi.

La mancanza di notizie è stata finalmente interrotta dalla comunicazione di CBS All Access, che ha confermato l'arrivo della terza stagione a partire dal 15 ottobre 2020.

I 13 episodi saranno trasmessi settimanalmente e da noi sarà Netflix a proporli, anche se al momento non abbiamo date ufficiali per il nostro Paese. Ecco l'annuncio della terza stagione diramato su Instagram e attraverso i principali canali social.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Lovecraft Country, primo trailer per l’attesa serie Horror di HBO

Lovecraft Country, HBO pubblica il primo trailer

Dopo un periodo di rumor ed attesa, la serie horror Lovecraft Country in arrivo su HBO fa bella mostra di sè nel primo trailer ufficiale. L'occasione propizia per mostrarlo è stata il recente Comic-Con @Home, dove una corposa anteprima virtuale ha stabilito definitivamente toni e premesse sul nuovo contenuto per la TV.

Lovecraft Country si basa sull'omonimo romanzo del 2016 scritto da Matt Ruff ed è ambientata negli Stati Uniti degli anni 50, la storia parla di un giovane afroamericano chiamato Atticus Black, che viaggerà attraverso gli Stati Uniti degli anni '50 alla ricerca del padre scomparso. Una storia che mescola temi come il razzismo ad elementi horror legati al mondo lovecraftiano. Sviluppata per la TV da Misha Green, Lovecrat Country introdurrà alcuni personaggi tra cui Letitia "Leti" Dandridge (Jurnee Smollett-Bell), Atticus Black (Jonathan Majors) e suo zio George Black (Courtney B. Vance).

La serie è prodotta da Monkeypaw Productions , Bad Robot Productions e Warner Bros. Television, mentre George Black. Jordan Peele, JJ Abrams e Ben Stephenson figurano come produttori esecutivi della serie, che sarà presentata in anteprima il 16 agosto. La prima stagione di Lovecraft Country comprenderà 10 episodi, e per quanto riguarda l'Italia sarà trasmessa su Sky Atlantic, le tempistiche non sono ancora note. A proposito di nuovi contenuti presentati al Comic-Con, il trailer della stagione 2 di His Dark Material lo avete già visto? Nell'attesa di saperne di più su lovecraft country, vi lasciamo al primo trailer ufficiale.


Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Mobzilla a 414 euro oppure da Media World a 479 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

VLT, l’osservatorio cattura l’immagine di un sistema multi-pianeta simile al nostro

L’ESO ha fotografato un sistema simile a quello solare, dotato di diversi pianeti in orbita.

Il team di ricercatori che opera nell'osservatorio VLT (Very Large Telescope) dell'ESO ha recentemente catturato un'immagine che non ha precedenti, mostrando in modo molto chiaro un sistema multi-pianeta simile al sistema solare, che dista circa 300 anni luce da noi.

Chiamata TYC 8998-760-1, la stella ci mostra un possibile passato del nostro sistema solare, essendo essa molto più giovane rispetto al nostro Sole, si stima infatti che abbia solamente 17 milioni di anni. Questo sistema è collocato nella costellazione meridionale di Musca, in precedenza ne sono stati individuati altri due simili, ma questa è la prima volta che viene immortalata la stella con due giganti super gassosi in orbita. Ecco l'immagine condivisa dagli scienziati dell'ESO.

I due oggetti in basso a destra rispetto la stella sono i due giganti gassosi, gli altri elementi sullo sfondo rappresentano altre stelle. Per riuscire a distinguere i pianeti dalle stelle il team di ricercatori ha analizzato svariate immagini in diversi punti orbitali, scoprendo peraltro che i due oggetti si pongono a distanze enormemente maggiori dalla stella madre rispetto a quella che separa la Terra dal Sole (150 milioni di km), il primo orbita 160 volte più lontano, l'altro è addirittura 320 volte più distante.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE