YouTube finalmente dice ai creators come stanno facendo soldi

YouTube introduce un nuovo parametro, detto RPM (revenues per mille), grazie a cui gli sviluppatori avranno una visione più chiara delle sorgenti delle proprie entrate.

YouTube abbonda di video su come fare soldi su YouTube. E anche di polemiche, da parte dei creatori, sui cambi di politica che in questi quindici anni di storia di volta in volta hanno penalizzato questo o quel contenuto, e sull'impossibilità di capire come esattamente i soldi ricevuti siano calcolati.

La piattaforma di Google ha introdotto ora un nuovo parametro, detto RPM (revenue per mille, dunque guadagni ogni mille impressioni). Rispetto al CPM (cost per mille, costo - delle inserzioni - ogni mille impressioni) può sembrare simile, ma in realtà offre all'utente uno spettro di informazione più ampio e utile ad una piena comprensione delle varie possibilità di monetizzazione che alla fine del mese poi andranno a costituire l'entrata.

Revolut Rewards: arrivano le ricompense cashback (e un po’ di pubblicità)

Revolut ha annunciato l’arrivo in Italia di una nuova funzionalità: si chiama Rewards e permette a tutti i clienti di accedere a sconti speciali e cashback da oltre cento marchi italiani e…

Dopo il lancio della versione Junior dedicata a bambini e ragazzi, Revolut ha annunciato l'arrivo in Italia di una nuova funzionalità: si chiama Rewards e permette a tutti i clienti di accedere a sconti speciali e cashback da oltre cento marchi italiani e internazionali, semplicemente utilizzando la propria carta Revolut.

A dire il vero, non si tratta di una novità assoluta: la funzionalità cashback, che permette di guadagnare una percentuale in base agli acquisti effettuati nei negozi convenzionati, era già disponibile per i clienti Premium e Metal; nelle prossime settimane invece verrà estesa anche a tutti i clienti Standard.

A questo scopo, Revolut ha stretto collaborazioni con oltre cento brand appartenenti a diverse categorie come hotel, trasporti, food & drink, salute & benessere, e varie altre.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Google investe 900 milioni in Italia, obiettivo trasformazione digitale

Google ha deciso di investire in Italia 900 milioni di dollari in 5 anni, per accelerare la trasformazione digitale: la notizia è stata annunciata oggi da Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet. Il…

Google ha deciso di investire in Italia 900 milioni di dollari in 5 anni, per accelerare la trasformazione digitale: la notizia è stata annunciata oggi da Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet.

Il progetto si chiama "Italia in Digitale" e prevede varie iniziative: da un lato il lancio di due nuove regioni "cloud" in collaborazione con Tim annunciato alcuni mesi fa, e dall'altro un'azione per le PMI, compresa una serie di momenti di formazione, strumenti gratuiti e partnership a supporto delle imprese e delle persone in cerca di opportunità lavorative.

Il nuovo progetto deriva dal successo di iniziative come Crescere in Digitale e Google Digital Training, che negli ultimi cinque anni hanno aiutato 500.000 persone a coltivare le competenze digitali necessarie a rilanciare un'attività o migliorare la propria carriera lavorativa.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 685 euro oppure da Yeppon a 774 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

MSI perde il suo CEO: Charles Chiang muore a 56 anni cadendo dal 7° piano

L’azienda ha attivato un piano di emergenza per portare avanti il suo operato.

Il CEO e Presidente di MSI Sheng-Chang Chiang è morto all'età di 56 anni. E' caduto dal settimo piano del quartier generale dell'azienda nel distretto di Zhonghe appartenente alla municipalità di Nuova Taipei, Taiwan.

I media locali riportano la notizia senza entrare troppo nel dettaglio: si sa che il manager era già deceduto quando sono arrivati i primi soccorsi, rendendo vana la corsa verso l'ospedale. La polizia locale sta investigando sull'accaduto per ricostruire gli eventi.

Sheng-Chang Chiang - ma era noto anche come Charles Chiang - era in Micro-Star International da più di 20 anni, e nel 2019 aveva assunto la carica di CEO dopo aver ricoperto il ruolo di responsabile del Desktop Computing. Sotto la sua guida, MSI ha registrato una sensibile crescita nel business delle schede madri e delle schede grafiche, successo di vendite ed economico che l'ha portato con merito alla guida dell'azienda.


Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da ASUS eShop a 699 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Uno “Stan Lee Universe” è in cantiere

POW! Entertainment vuole portare sotto le luci della ribalta le oltre 100 proprietà intellettuali create da Stan Lee nel periodo post-Marvel.

In seguito all'incommensurabile successo del Marvel Cinematic Universe, Hollywood sta lavorando per creare lo Stan Lee Universe: l'obiettivo è di portare sotto le luci della ribalta i tantissimi personaggi creati dal compianto Stan Lee al di fuori della Marvel. Il progetto è nato da una partnership tra POW! Entertainment, studio fondato proprio da Lee in persona nel 2001, e Genius Brands.

Stan Lee è diventato famoso soprattutto per Iron Man, per gli Avengers, per Spider-Man, gli X-Men, Capitan America, i Fantastici Quattro e innumerevoli altri supereroi creati per la casa editrice da lui fondata, la Marvel. Ma forse non tutti sanno che già negli Anni '90 Lee decise di volere un nuovo inizio, e anche se rimase nel direttivo Marvel cessò di fatto di lavorarci. Fondò un nuovo studio, Stan Lee Media, ma il progetto fallì nel giro di pochi anni a causa di alcuni crimini finanziari (in cui Lee non era coinvolto). Nel 2001 arriva quindi POW! (Purveyors Of Wonder) Entertainment, con l'obiettivo di creare contenuti multimediali per cinema, TV e videogiochi (Stan Lee ha anche scritto e pubblicato storie per DC Comics, ma questa è un'altra storia.)

POW! Entertainment, stando a quanto dicono i dirigenti delle due aziende, detiene i diritti di oltre 100 IP create da Stan Lee. "Per quanto siano enormi oggi Spider-Man, Black Panther,, X-Men e gli Avengers, un domani sarà la volta di Tomorrow Men, Stringbean, Black Fury e Virus", dice il CEO di POW! Andy Heyward. Vale la pena ricordare che POW! e Genius Brands avevano già collaborato nel passato recente: nel 2016, per la precisione, avevano prodotto la serie animata Stan Lee's Cosmic Crusaders.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Voli venduti e poi cancellati causa Covid: Antitrust contro le compagnie aeree

Alitalia e Volotea: comportamento scorretto?

L'Antitrust ha avviato ufficialmente le indagini nei confronti di Alitalia e Volotea: sotto accusa la pratica di vendere biglietti e poi cancellare i voli pochi giorni più tardi, adducendo come scusa imprecisati motivi legati alla pandemia da Covid-19. Noi intanto le nostre esperienze sul ritorno a bordo di un aereo dopo il lungo stop ve le abbiamo raccontate, prima con Wizzair (e Gabriele), poi... di nuovo con Wizzair (e Luigi). Qui parliamo di rimborsi non dati e di comportamenti al limite del - se non oltre il - consentito.

Ai passeggeri rimasti senza biglietto, le due compagnie aeree avrebbero offerto un voucher invece di un rimborso, senza fornire un'adeguata informazione ai consumatori in quanto ai diritti spettanti in caso di cancellazioni, predisponendo inoltre un servizio di assistenza clienti carente sui tempi di attesa (si parla di più di due ore al telefono) e sui canali di comunicazione messi a disposizione.

Basandosi su queste denunce mosse dai consumatori, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha quindi avviato due procedimenti istruttori e due sub-procedimenti cautelari nei confronti di Alitalia e Volotea, ma all'elenco potrebbero presto aggiungersi anche altri vettori.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 279 euro oppure da Unieuro a 359 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Voli venduti e poi cancellati causa Covid: Antitrust contro le compagnie aeree

Alitalia e Volotea: comportamento scorretto?

L'Antitrust ha avviato ufficialmente le indagini nei confronti di Alitalia e Volotea: sotto accusa la pratica di vendere biglietti e poi cancellare i voli pochi giorni più tardi, adducendo come scusa imprecisati motivi legati alla pandemia da Covid-19. Noi intanto le nostre esperienze sul ritorno a bordo di un aereo dopo il lungo stop ve le abbiamo raccontate, prima con Wizzair (e Gabriele), poi... di nuovo con Wizzair (e Luigi). Qui parliamo di rimborsi non dati e di comportamenti al limite del - se non oltre il - consentito.

Ai passeggeri rimasti senza biglietto, le due compagnie aeree avrebbero offerto un voucher invece di un rimborso, senza fornire un'adeguata informazione ai consumatori in quanto ai diritti spettanti in caso di cancellazioni, predisponendo inoltre un servizio di assistenza clienti carente sui tempi di attesa (si parla di più di due ore al telefono) e sui canali di comunicazione messi a disposizione.

Basandosi su queste denunce mosse dai consumatori, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha quindi avviato due procedimenti istruttori e due sub-procedimenti cautelari nei confronti di Alitalia e Volotea, ma all'elenco potrebbero presto aggiungersi anche altri vettori.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 279 euro oppure da Unieuro a 359 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Streaming, che passione: italiani passano 4 ore al giorno a guardare video online

Gli italiani guardano mediamente 3 ore e 40 minuti di video streaming al giorno. E’ quanto emerso da un nuovo rapporto di Limelight Networks.

La pandemia da COVID-19 ha mutato diversi aspetti della nostra vita quotidiana: si pensi ad esempio al boom del lavoro da casa, soluzione sempre più adottata dalle aziende in Italia e non solo, o ancora alla fruizione dei contenuti sul web, video in primis.

Ed è proprio lo streaming ad avere un ruolo importante in questo particolare periodo storico: ciò emerge in modo esplicito dal rapporto “How Video is Changing the World” di Limelight Networks Inc., in cui si analizzano le modalità attraverso cui i video online vengono fruiti dagli utenti.

La ricerca “How Video is Changing the World” si basa sulle risposte di 5.000 consumatori di età pari o superiore ai 18 anni in Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Scandinavia, Singapore, Corea del Sud, Regno Unito e Stati Uniti, che guardano un’ora, o più, di video online ogni giorno.


Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 205 euro oppure da Amazon a 249 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Incentivi auto: accordo politico sulle auto Euro 6

Il Governo avrebbe trovato un’intesa politica sugli incentivi per le Euro 6; i tempi, però, sarebbero molto stretti per l’inserimento nel Decreto Rilancio.

Il mercato auto in Italia è in forte sofferenza a seguito della crisi causata dal lockdown. Da più parti, da tempo, si chiedono incentivi per sostenere la domanda che vadano oltre a quelli per le auto elettriche e ibride Plug-in già presenti (Qui la guida). Secondo quanto riporta La Repubblica, si sarebbe finalmente trovato un accordo politico su queste agevolazioni. Secondo quanto riportato, altre a questi incentivi, come parte dell'accordo ci sarebbe anche un aumento del bonus per le ibride e le elettriche.

La proposta originaria per le Euro 6, prevedeva 2.000 euro concessi dallo Stato e altri 2.000 euro offerti dalle concessionarie. La nuova posizione su cui si starebbe trovando l'accordo riguarderebbe un aiuto statale di 1.500 euro a cui si sommerebbero i 2.000 euro delle concessionarie. Il tutto se si andrà a rottamare un'auto con almeno 10 anni di vita. In caso contrario, gli incentivi saranno dimezzati. Secondo quanto riporta la fonte, le auto Euro 6 compatibili con il nuovo incentivo sarebbero quelle con emissioni di CO2 comprese tra i 61 e i 110 grammi al chilometro.

Da capire, adesso, se questa sarà davvero la forma definitiva del bonus con cui il Governo intende aiutare un settore in fortissima difficoltà economica. I tempi, però, sono molto stretti. L'appuntamento del 3 luglio per la discussione alla Camera della conversione in legge del Decreto Rilancio è saltato. Entro l'8 luglio deve però arrivare l'approvazione, con l'entrata in vigore di tutte le norme dal 18 luglio.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 279 euro oppure da Unieuro a 359 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Bonus vacanze: via alle richieste, ma l’app è discriminatoria

Da ieri, 1 luglio 2020, e fino al 31 dicembre 2020, è possibile richiedere il Bonus Vacanze fino a 500 euro: l’agevolazione, prevista dal Decreto Rilancio, mira a sostenere il turismo in Italia dopo…

Da ieri, 1 luglio 2020, e fino al 31 dicembre 2020, è possibile richiedere il Bonus Vacanze fino a 500 euro: l'agevolazione, prevista dal Decreto Rilancio, mira a sostenere il turismo in Italia dopo l'emergenza Covid-19, e qui vi abbiamo spiegato di cosa si tratta e i requisiti necessari per richiederlo.

Per accedervi, l'unico modo certificato è per ora l'utilizzo di IO, app per iOS e Android nata nel 2018, da poco resa disponibile in Beta e finalmente scaricabile sui rispettivi store nella versione stabile. L'applicativo permetterà di visualizzare un codice QR univoco da mostrare alla struttura ricettiva al momento del pagamento del soggiorno.

L'iniziativa ha riscosso un certo successo: alle ore 16 del primo giorno di attivazione del servizio sono stati erogati più di 110.00 Bonus Vacanze, per un valore economico complessivo di oltre 50 milioni di euro da spendere in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed&breakfast sul territorio italiano.


Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 208 euro oppure da Amazon a 263 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE