Marvel’s Spider-Man su PS5: nuovi dettagli per la remastered

Marvel’s Spider-Man Remastered su PlayStation 5 supporterà i riflessi in ray-tracing, la risoluzione in 4K, 60fps e le funzionalità del DualSense tra cui il feedback tattile.

Sony, in occasione dell'ultimo PlayStation 5 Showcase, ha annunciato che la Ultimate Edition di Spider-Man Miles Morales conterrà l'edizione digitale della versione rimasterizzata dell'acclamato primo capitolo del franchise comprensiva di tutti i dlc e recentemente il team di sviluppo, attraverso Twitter, ha rilasciato nuove informazioni.

Marvel's Spider-Man Remastered su PlayStation 5 supporterà i riflessi in ray-tracing, la risoluzione in 4K, una modalità a 60fps e le funzionalità del DualSense tra cui il feedback tattile. La nuova edizione del gioco però non consentirà la condivisione dei salvataggi di conseguenza non sarà possibile trasferire i dati di gioco dall'edizione PlayStation 4 a PS5.

I responsabili di Insomniac Games specificano poi che Marvel's Spider-Man Remastered sarà distribuito solo in formato digitale e al momento non esistono piani per rilasciare il gioco al di fuori dell'Ultimate Edition di di Spider-Man Miles Morales.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Xbox Series X e Series S disponibili preordini in Italia: dalle 9:00 anche Amazon

Non si sa esattamente a quanto ammontano le scorte, ma chi ha in programma l’acquisto non dovrebbe tardare eccessivamente

Quella odierna è una giornata importante per i videogiocatori in attesa delle console next-gen: prenderanno il via oggi a partire dalle ore 9:00 i preordini di Xbox Series X e Series S. La prima proposta a 499 euro, la seconda a 299 euro.

Non è dato sapere a quanto ammontino le scorte disponibili, ma chi ha intenzione di effettuare l'acquisto non dovrebbe tardare eccessivamente ad effettuare la prenotazione, anche alla luce di una domanda per i prodotti gaming che in questo periodo si sta rivelando molto elevata.

La distribuzione prenderà il via tramite i principali rivenditori di elettronica che operano nel mercato italiano, sia online sia punti vendita fisici. Anche Amazon darà il via ai preordini alle console next-gen di Microsoft, ma sarà possibile prenotare Xbox Serie X e Xbox Series S anche tramite lo store ufficiale della casa di Redmond e le varie catene di elettronica e di videogiochi tra cui GameStop, Expert, Euronics, Media World e Unieuro.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Minecraft, arriva l’aggiornamento gratuito per giocare con PlayStation VR

Da domani, martedì 22 settembre, grazie ad un aggiornamento gratuito ci si potrà immergere nel mondo di Minecraft con PlayStation VR.

Come promesso, è in arrivo l'aggiornamento gratuito che rende la versione di Minecraft per PlayStation 4 compatibile con PlayStation VR. Quando? A partire da domani, martedì 22 settembre. Si tratterà di un'esperienza Minecraft completa: come promesso da Mojang, non mancherà nulla, ma semplicemente sono stati operati alcuni cambiamenti all'interfaccia per renderla più adatta alla Realtà Virtuale.

Per giocare, quindi, si userà come sempre il Dualshock 4. A cambiare sarà la possibilità di immergersi ancora più in profondità in quel mondo fatto di blocchetti, pixel e fantasia che così profondamente ha inciso nell'industria videoludica. Un passo importante più che per Minecraft, forse per la Realtà Virtuale stessa, che ancora deve fare breccia nel mercato. E i prossimi anni potrebbero essere decisivi in questo senso: basti guardare a come Facebook ha rilanciato con decisione la sua proposta stand-alone con Oculus Quest 2, in attesa ovviamente di vedere come rinnoverà la propria offerta Sony, e come si muoverà Microsoft.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Xbox Game Pass a quota 15 milioni di abbonati. I giochi Bethesda dal day one

L’annuncio dell’acquisizione di ZeniMax Media porta con sé notizie interessanti: il Game Pass ora ha 15 milioni di abbonati e i titoli Bethesda arriveranno al day one

La notizia dell'acquisizione di ZeniMax Media da parte di Microsoft ci permette di scoprire alcuni dati interessanti riguardo al servizio maggiormente coinvolto da questa mossa: il Game Pass.

Il comunicato ufficiale postato su Xbox Wire, infatti, non entra nel dettaglio dell'acquisizione, cosa che invece viene fatta nella Newsroom di Microsoft, un'ambiente più istituzionale nel quale trovano spazio i numeri e i dati finanziari relativi all'operazione. Qui viene confermato l'esborso di 7,5 miliardi di dollari che ha permesso a Redmond di incamerare tutto il pacchetto offerto da ZeniMax, oltre a dei dati molto interessanti riguardo il servizio in abbonamento legato al mondo Xbox (ricordate che per Microsoft Xbox è il sinonimo di gaming, quindi include sia il mondo console che quello PC): il Game Pass ha finalmente raggiunto quota 15 milioni di abbonati.

Sino a poco tempo fa i dati ufficiali parlavo di 10 milioni di abbonati al servizio, mentre ora abbiamo un nuovo punto di riferimento per quanto riguarda la base installata del Game Pass. Si perché ormai questo abbonamento può quasi essere considerato una delle piattaforme di Microsoft, visto che con l'integrazione di Project xCloud è ora in grado di vivere di vita propria anche al di fuori del mondo console e PC.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Xbox Series S pronta per il futuro e per il passato: retrocompatibilità meglio di One X

Su Xbox Series S i giochi Xbox One non gireranno come su Xbox One X, è vero: ma meglio.

Xbox Series S sta quasi rubando la luce dei riflettori alla più potente Series X con le sue dimensioni compatte e soprattutto con il suo prezzo aggressivo: a 299 euro è la porta di ingresso più accessibile per la next-gen. Tutte le differenze tra le due console di Microsoft ve le abbiamo spiegate nel nostro articolo dedicato: negli ultimi giorni però si è sviluppato un nuovo discorso sulla retrocompatibilità.

Digital Foundry aveva infatti espresso dei dubbi sulla possibilità di far girare le versioni dei giochi per One X, e subito dopo è arrivata la conferma di Microsoft: è vero, Serie S fa girare la versione One S dei titoli, ma comunque introducendo una serie di miglioramenti. E ora lo scenario si chiarisce ulteriormente, grazie alle dichiarazioni del System Architect di Xbox, Andrew Goossen:

Abbiamo progettato Series S perché migliorasse i giochi per Xbox One in un modo che non è possibile su Xbox One X. Abbiamo reso più semplice il processo di aggiornamento dei giochi Xbox One, in modo che funzionino al doppio del framerate quando vengono riprodotti su Series S. In termini di prestazioni, Series S supera quelle della CPU e della GPU di Xbox One di ben oltre il doppio, perciò raggiungere tali risultati risulta semplice. Infatti, la GPU di Xbox Series S riesce a eseguire i giochi Xbox One con prestazioni migliori rispetto a Xbox One X. Non è necessario regolare le prestazioni o inserire modalità speciali per questo genere di cose, spesso ci basta cambiare solo tre righe di codice a gioco e tutto funziona.

Insomma, i giochi per Xbox One su Series S non si limiteranno alle prestazioni di One S, ma offriranno miglioramenti significativi: non saranno la copia della versione per One X, ma un'esperienza a parte, e nel complesso migliore. Lo stesso varrà anche spingendosi più indietro nel tempo: i titoli per Xbox e Xbox 360 saranno capaci di una risoluzione di 1440p (cioè quella massima per la macchina).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Microsoft acquisisce Zenimax Media: Bethesda è più vicina a Xbox

Microsoft ha acquisito ZeniMax Media, la società a cui fanno capo Bethesda, id Software e molte altre ancora

Alla fine l'annuncio è arrivato quando meno lo si aspettava: attraverso i suoi canali ufficiali, Microsoft ha confermato di aver acquisito ZeniMax Media, la società a cui fanno capo una vasta serie di software house di altissimo livello. La lista include:

  • Bethesda Game Studios (Fallout, Elder Scrolls)
  • id Software (DOOM, Quake, Wolfenstein, Rage)
  • Arkane Studios (Dishonored, Prey, Deathloop)
  • MachineGames (Wolfenstein: The New Order)
  • Tango Gameworks (Ghostwire: Tokyo)
  • Alpha Dog Games (Monstrocity Rampage)
  • Roundhouse Studios

Da tempo era nell'aria una possibile acquisizione importante da parte di Microsoft e inizialmente si guardava in direzione di Warner Bros. Games, ma le indiscrezioni erano sbagliate. L'acquisizione è costata 7,5 miliardi di dollari alla casa di Redmond, che ora può vantare il controllo di alcune delle software house più importanti del settore.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Gli eSport in Italia: un settore da oltre 1,4 milioni di appassionati

Il mondo degli eSport è sempre più popolare anche in Italia: ecco i dati delle ultime rilevazioni di IIDEA

Il mondo degli eSport sta acquisendo sempre maggior rilievo all'interno del mercato italiano. Nel 2020 abbiamo visto come questo fenomeno si sia più volte sovrapposto allo sport reale - specialmente in ottica racing - a causa delle mutate condizioni sanitarie in cui versa il globo, tuttavia non è servito attendere la pandemia per far esplodere il fenomeno, almeno non nel nostro Paese.

IIDEA e Nielsen, infatti, hanno presentato il nuovo Rapporto sugli eSport in Italia, una ricerca che analizza l'andamento del mercato lungo lo stivale e che tiene in considerazione i dati rilevati nel corso del 2019, quindi prima che l'emergenza sanitaria potesse avere effetto sul settore. Il rapporto è stato presentato oggi in occasione dell'evento Round One e ci permette di dare uno sguardo approfondito alla popolazione e alle principali caratteristiche di questo fenomeno sempre più diffuso.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Cyberpunk 2077: requisiti PC e durata della missione principale

Mills ha dichiarato che sulla base dei feedback ricevuti dagli utenti, il team di sviluppo ha deciso di accorciare la durata della “Main Quest” di Cyberpunk 2077

La missione principale di Cyberpunk 2077 sarà leggermente più breve rispetto a quella di The Witcher III. Lo ha annunciato Patrick Mills di CD Projekt Red al termine del terzo episodio di Night City Wire durante il quale sono stati svelati anche i requisiti minimi e consigliati necessari per affrontare il gioco su PC.

Mills ha dichiarato che sulla base dei feedback ricevuti dagli utenti, il team di sviluppo ha deciso di accorciare la durata della "Main Quest" di Cyberpunk 2077: "abbiamo ricevuto molte lamentele sul fatto che la storia di The Witcher 3 fosse troppo lunga. E guardando i dati, effettivamente molte persone hanno giocato una parte importante del gioco ma non sono mai arrivate alla fine.[…] In Cyberpunk desideriamo che i giocatori affrontino tutta la storia di conseguenza l'abbiamo leggermente accorciata".

Mills ha comunque tenuto a precisare che il mondo di Cyberpunk offrirà "un'enorme quantità di contenuti" e le attività da fare non mancheranno, saranno infatti presenti missioni secondarie, compiti extra ed incarichi opzionali di vario genere.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

PlayStation 5: nuove scorte in arrivo e prime foto reali

Sony promette nuove scorte, intanto dalla rete emergono le prime foto reali della console

La settimana scorsa è stata molto intensa per Sony: mercoledì la casa nipponica ha comunicato data di arrivo e prezzi delle due versioni (con e senza lettore ottico) e, poco dopo, sono partiti i preordini. Il riscontro da parte del pubblico non è mancato: le prime scorte disponibili per i preordini sono state esaurite in breve tempo. Sony ha voluto rassicurare sull'arrivo di nuove unità, intanto in rete sono emerse le prime foto reali della console.

NUOVE SCORTE IN ARRIVO

Sony ha ammesso che la fase di gestione dei preordini non è stata delle migliori, si è scusata con gli utenti per l'accaduto e ha confermato che nei prossimi giorni - quindi non è escluso anche in settimana - saranno spedite ai rivenditori nuove unità destinate agli utenti che intendono preordinare PS5.

L'aumento delle spedizioni continuerà anche nelle settimane successive, prosegue Sony che stempera così l'ipotesi prospettata da alcuni rivenditori che il rinnovamento delle scorte, dopo la prima tornata di preordini, sarebbe avvenuto non prima del prossimo anno.

PlayStation 5 e Xbox Series X/S, tra detto e non detto | Live alle 15:00

PlayStation 5 e Xbox Series X e S sono ufficiali: facciamo il punto della settimana più importante per la next gen, tra dettagli ufficiali, nuove scoperte e comunicazioni mancate

Negli ultimi 10 giorni si è definitivamente concretizzata la next gen, grazie agli annunci di Microsoft e Sony che hanno finalmente mostrato le proprie lineup complete, accompagnandole da prezzi e date di lancio ufficiali.

Xbox Series X e la neo presentata Series S saranno disponibili in tutto il mondo a partire dal 10 novembre al prezzo, rispettivamente, di 499 e 299 euro, mentre PlayStation 5 e PS5 All Digital sbarcheranno in Europa e altri mercati a partire dal 19 novembre, al prezzo di 499 e 399 euro.

Abbiamo quindi tutti gli elementi per decidere quale possa essere la più adatta alle nostre esigenze, tuttavia ci sono ancora tanti dettagli da discutere e analizzare, specialmente se consideriamo il fatto che molte delle caratteristiche delle console non sono state svelate durante gli eventi di presentazione, ma stanno emergendo in queste ore.


Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro è in offerta oggi su a 200 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE