KiaMobility, il “light renting” secondo Kia arriva in Italia: si noleggia da app

KiaMobility è un nuovo servizio di noleggio auto proposto da Kia che si potrà gestire tutto da app. I veicoli si ritireranno direttamente presso le concessionarie.

Kia continua a lavorare per offrire ai suoi clienti sempre nuovi servizi legati alla mobilità. Il costruttore coreano ha annunciato il lancio di KiaMobility che sarà disponibile in Europa a partire dall'Italia. Si tratta, come l'ha definito il costruttore, di un servizio di "light renting". Gli utenti potranno noleggiare un’auto direttamente tramite un’app e ritirarla presso la concessionaria selezionata.

KiaMobility deve essere visto come uno dei tasselli del piano strategico dell'azienda, noto come Plan S, che punta non solo sull'elettrificazione ma pure sui servizi di mobilità. Inizialmente, questo servizio di noleggio sarà disponibile nelle province di Milano, Varese e Como, ma Kia punta a renderlo disponibile in molte altre città Italiane.

KIAMOBILITY

Utilizzare questo nuovo servizio sarà molto semplice. L'applicazione KiaMobility sarà disponibile a partire dal mese di ottobre sia per dispositivi iOS che Android. Gli utenti dovranno poi solamente creare un account e confermare la registrazione. A quel punto potranno consultare l'elenco delle concessionarie aderenti e l'elenco delle autovetture disponibili. Una volta scelto il modello sarà sufficiente pagare con carta di credito sempre dall'app e recarsi in concessionaria per il ritiro del veicolo.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Kia: entro il 2027 arriveranno 7 nuove auto elettriche

Kia ha svelato un teaser di 7 modelli elettrici che arriveranno entro il 2027; il primo sarà svelato il prossimo anno.

Kia ha grandi ambizioni nel settore della mobilità elettrica. All'interno del suo piano industriale "Plan S" annunciato ad inizio anno, il costruttore coreano ha previsto di arrivare ad offrire al pubblico entro la fine del 2025 una gamma completa di 11 veicoli elettrici. L’obiettivo è quello di raggiungere una quota del 6,6% del mercato globale dell’elettrico (esclusa la Cina), oltre a una quota del 25% delle vendite della gamma di modelli green..

Adesso, Kia ha aggiunto qualche dettaglio in più e ha condiviso un teaser in cui si intravedono 7 nuovi modelli di auto elettriche che saranno lanciati entro il 2027. Il costruttore non ha fornito molti dettagli ma ha sottolineato che la prima autovettura, nome in codice CV, sarà svelata il prossimo anno e si caratterizzerà per una nuova filosofia di design che poi sarà adottata anche sugli altri veicoli elettrici. Inoltre, offrirà una lunga autonomia e ricariche ad alta potenza.

I dettagli sul futuro dei veicoli elettrici dell'azienda sono stati annunciati dal presidente e amministratore delegato di Kia Ho Sung Song durante un recente evento presso lo stabilimento di Hwasung in Corea. Queste autovetture utilizzeranno la nuova piattaforma modulare E-GMP espressamente sviluppata per le auto a batteria. Tornando al teaser, si può notare come la maggior parte dei veicoli siano dei SUV o crossover. A questo punto non rimane che attendere ulteriori novità sul modello che sarà lanciato nel 2021.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 248 euro oppure da Amazon a 295 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Vacanza elettrica con Kia e-Niro: prova consumi, autonomia reale, pro e contro

Kia e-Niro: ecco come si comporta il crossover elettrico in vacanza tra bagagli e consumi.

Dopo aver testato la Kia e-Niro in un lungo viaggio in autostrada per valutarne l'autonomia, abbiamo deciso di organizzare una prova particolare, usandola per andare in vacanza per sperimentare meglio l'autonomia, i consumi, i vantaggi e tutti gli inconvenienti in cui ci si può imbattere viaggiando solo in elettrico. Il crossover elettrico coreano è potenzialmente un'auto perfetta per questo scopo visto che può offrire spazio, un buon comfort e allo stesso tempo una buona autonomia grazie ad una batteria dalla capacità di 64 kWh e all'efficienza del motore.

La e-Niro è stata utilizzata come se fosse un modello endotermico. Nulla è stato fatto per ridurre i consumi, andando piano o utilizzando le varie modalità di guida offerte. Anzi, in più di un'occasione il crossover coreano è stato spremuto a fondo per effettuare rapidi sorpassi e in autostrada è sempre stato impostato un cruise control a 135 Km/h.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Kia Sorento PHEV ufficiale: dettagli tecnici e data di arrivo sul mercato

Autonomia quanto basta per i viaggi corti e potenza da vendere per la nuova variante del suv segmento D sudcoreano.

La Kia Sorento Plug-in Hybrid è finalmente ufficiale-ufficiale: da non confondersi con il modello Hybrid tradizionale, che l'azienda aveva menzionato durante la presentazione dell'intera gamma, e di cui poco fa ha annunciato l'inizio della produzione in serie. Il motore termico rimane lo stesso, ma quello elettrico è più prestante e le batterie hanno capacità maggiore. Il tutto senza rinunciare ai sette posti degli altri modelli della gamma.

Quindi, i dati essenziali: il turbo benzina T-GDi da 1,6 litri già visto nella Hybrid è accoppiato a un cambio automatico a sei velocità, a un motore elettrico da 66,9 kW e un pacco batteria da 13,8 kWh. Il motore termico ha una coppia massima di 265 Nm e una potenza di 180 CV o circa 133 kW, mentre la coppia massima dell'elettrico è di 304 Nm. Quando lavorano in tandem, Sorento PHEV raggiunge i 350 Nm di coppia e i 194 kW. Non abbiamo dettagli precisi sull'autonomia prevista in sola modalità elettrica, perché le certificazioni sono ancora in corso: Kia dice comunque che l'automobilista medio riuscirà a completare la maggior parte dei tragitti corti senza mai ricorrere alla propulsione a dinosauri liquidi (chiaro, la definizione di "corti" è soggettiva).

Sorento PHEV ha trazione integrale e promette accelerazione corposa e istantanea a qualsiasi velocità. Il sistema di raffreddamento delle batterie è ad acqua, per la prima volta nella storia di Kia. Anche il motore elettrico è stato rinnovato per garantire meno rumore e meno vibrazioni. Non mancano poi le innovazioni introdotte negli altri modelli, come il CVVD (Continuously Variable Valve Duration), che regola l'apertura della valvola di aspirazione in base alle condizioni di guida del momento, bilanciando in modo ottimale consumo di carburante e potenza.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE