KYMCO RevoNEX: si avvicina la produzione della moto elettrica

Grazie ad una serie di immagini di brevetti, si può intuire che la versione di serie della moto elettrica KYMCO RevoNEX è sempre più vicina.

KYMCO aveva presentato la sua moto elettrica RevoNEX nel 2019 a EICMA. Si trattava di una naked sportiva e le poche specifiche condivise dal costruttore l'avevano resa interessante, almeno sulla carta. Il marchio aveva promesso che da quel prototipo sarebbe derivata, in un secondo momento, una versione di serie che sarebbe scesa su strada nel corso del 2021. Da allora, però, se ne è saputo molto poco.

Dalle rete sono, adesso, emerse alcune immagini di brevetti di KYMCO che mostrano la versione finale della RevoNex. Questa scoperta fa capire che il progetto sta andando avanti e che la moto elettrica potrebbe essere molto vicina alla produzione. Da quello che traspare, il design finale non dovrebbe differire molto da quello del prototipo visto a EICMA.

Se anche le prestazioni annunciate al Salone di Milano rimarranno immutate, questa nuova 2 ruote ha tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento della categoria e potersi confrontare alla pari con i modelli di marchi come Energica e Zero Motorcycles.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Harley-Davidson LiveWire: un viaggio in elettrico dal Messico al Canada

Harley-Davidson LiveWire è stata protagonista di un lungo viaggio sulle strade americane, dimostrando che con le moto elettriche è possibile affrontare lunghe percorrenze.

Le moto elettriche non hanno ancora raggiunto la stessa maturità tecnica delle auto a batteria. Questo, però, non significa che non sia possibile viaggiare anche per distanze importanti. Harley-Davidson LiveWire è un modello nato per un uso cittadino o al massimo per affrontare piccole gite ma questo non toglie che con la giusta programmazione non sia possibile fare molto di più. Un certo Diego Cardenas, per festeggiare il suo cinquantesimo compleanno, ha voluto affrontare un lungo viaggio tra il Messico e il Canada a bordo della sua 2 ruote a batteria.

Non è nemmeno la prima volta che qualcuno riesce ad effettuare un lungo viaggio con questa moto elettrica. Nei mesi scorsi, un tedesco aveva percorso oltre 1.700 Km in 24 ore. Ma quanto compiuto di recente da Diego Cardenas dimostra ancora una volta come sia possibile viaggiare con questi veicoli, stando solamente un po' attenti alla pianificazione delle soste. Parlando della moto americana, si ricorda che la sua autonomia è di 235 Km che si riduce, però, a poco più di 150 Km tenendo velocità autostradali.

Il percorso è stato di circa 1.300 miglia, cioè di poco più di 2.000 Km, attraverso la California, l'Oregon e lo stato di Washington. Il viaggio è stato affrontato senza fretta, in poco più di una settimana, utilizzando le stazioni Charge Point e Electrify America che permettono di ricaricare rapidamente la moto. A seguire da vicino il viaggio, la moglie e la figlia a bordo di un'auto. A parte un paio di intoppi che non hanno riguardato l'affidabilità della moto, non ci sono stati problemi. Solamente una volta Diego è stato costretto a ricaricare in albergo a causa di un punto di alimentazione trovato non funzionante.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Emarevolution a 688 euro oppure da Yeppon a 786 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

BMW: Active Cruise Control per le moto

BMW ha annunciato Active Cruise Control, cioè una sorta di cruise control adattivo dedicato alle moto, sviluppato con Bosch.

BMW pensa anche alla sicurezza e al comfort di marcia dei motociclisti e presenta l'Active Cruise Control (ACC), ovvero un cruise control adattivo per le due ruote. Si tratta di una soluzione già presente da anni nel mondo delle 4 ruote ma che sulle moto non si era mai vista se non a livello di sperimentazioni.

Il marchio tedesco intende offrire molto presto questo sistema all'interno dei suoi modelli. BMW ha lavorato con Bosch per sviluppare il suo ACC: il funzionamento è del tutto simile a quello delle auto. Una volta che viene impostata la velocità di crociera, la moto la mantiene invariata. In più, nel mezzo del traffico, il sistema è anche in grado di tenere costante la distanza dal veicolo che precede modificando automaticamente la velocità.Tale piattaforma sfrutta dei radar posti sul frontale della 2 ruote.

La distanza di sicurezza può essere personalizzata su tre livelli da parte del conducente tramite un pulsante attraverso cui è possibile impostare comodamente anche la velocità. Le singole impostazioni vengono visualizzate sul quadro strumenti TFT. Il sistema dispone di due modalità di guida che variano il comportamento in accelerazione e in decelerazione. Il controllo della distanza, inoltre, può essere disattivato in modo da utilizzare il Dynamic Cruise Control.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Voxan Wattman, la moto elettrica con cui Biaggi proverà a battere il record di velocità

Voxan Wattman è la speciale moto elettrica ad altissime prestazioni con cui Max Biaggi proverà a battere il record mondiale di velocità nel 2021.

Max Biaggi si sta preparando a battere il record del mondo di velocità a bordo di una moto elettrica. L'appuntamento è stato fissato per luglio 2021 e il tentativo si effettuerà sul Salar de Uyuni in Bolivia, la più grande distesa salata al mondo. L'attuale record è detenuto da Ryuji Tsuruta che ha raggiunto i 329 km/h. Per infrangere la barriera dei 330 Km/h, il campione italiano utilizzerà la Voxan Wattman, una speciale moto elettrica ad altissime prestazioni.

Questa 2 ruote a batteria è stata realizzata appositamente per questa sfida e lo sviluppo sta andando avanti già da un po' di tempo ma l'emergenza sanitaria ha rallentato l'ambizioso progetto di ottenere questo nuovo record di velocità. Il design della moto è molto particolare. Infatti, l'aerodinamica è stata sviluppata in galleria del vento per consentire di raggiungere la velocità più alta possibile. La forma risulta molto allungata. Il telaio è in acciaio con alcuni elementi in alluminio, mentre la carrozzeria è in carbonio. Il peso della moto è di 300 Kg.

Il motore sfrutta le competenze acquisite in Formula E (Voxan fa parte del Gruppo Venturi impegnato nel campionato elettrico) ed è in grado di erogare 270 kW e 970 Nm di coppia. La batteria, sviluppata appositamente per questo scopo, dispone di una capacità di 15,9 kWh. L'intero powertrain si caratterizza per uno speciale sistema di raffreddamento.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 458 euro oppure da Unieuro a 572 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Decreto Rilancio: bonus fino a 4000 euro per moto e scooter elettrici

Due emendamenti al Decreto Rilancio ampliano l’Ecobonus per moto e scooter elettrici; si arriva a 4 mila euro con rottamazione e a 3 mila euro senza.

Tutti stanno aspettando novità per quanto riguarda gli incentivi per le auto Euro 6. Nell'attesa, però, due emendamenti al Decreto Rilancio targati PD e M5S rendono più agevole l'acquisto di moto e scooter elettrici andando a modificare la struttura dell'Ecobonus.

Nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di aiuti di stato , a coloro che nell’anno 2020 acquistano, anche in locazione finanziaria, e immatricolano in Italia un veicolo elettrico o ibrido nuovo di fabbrica delle categorie L1e, L2e, L3e, L4e·, L5e, L6e, L7e è riconosciuto un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto, fino a un massimo di 3mila euro. Il contributo di cui al primo periodo è pari al 40% del prezzo di acquisto, fino a un massimo di 4mila euro, nel caso venga consegnato per la rottamazione un veicolo di categoria euro 0, 1, 2 o 3.

Nello specifico, in caso di rottamazione di un veicolo della stessa categoria sino a Euro 3 sarà possibile disporre di un incentivo sino a 4.000 euro (40% del prezzo di acquisto). Il bonus si potrà avere anche in caso di assenza di un veicolo da rottamare. In questo caso l'incentivo massimo arriva a 3.000 euro (30% del prezzo di acquisto).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

LEGO Technic: per gli appassionati delle due ruote arriva la Ducati Panigale V4 R

Per gli appassionati di moto, LEGO Technic propone il kit di costruzione della Ducati Panigale V4 R; 646 pezzi e una elevata cura del dettaglio.

LEGO ha presentato l'ultimo esclusivo modello della linea LEGO Technic. Si tratta della Ducati Panigale V4 R, frutto di un accordo di collaborazione con la casa di Borgo Panigale. La supersportiva italiana potrà essere assemblata utilizzando i famosi mattoncini colorati ed il risultato finale è davvero notevole visto che la moto è stata riprodotta nei più minimi dettagli. Certamente, questo kit di costruzione piacerà molto di più ai genitori che ai ragazzi.

LEGO TECHNIC DUCATI PANIGALE V4 R

Il kit contiene ben 646 pezzi. Il modellino, una volta costruito, non è certamente piccolo in quanto le sue misure sono 32 cm in lunghezza, 16 cm in altezza e 8 cm in larghezza. Nulla è stato lasciato al caso. Sterzo e sospensioni sono perfettamente funzionanti.

Non mancano nemmeno i freni a disco posteriori ed anteriori. Cupolino, cruscotto ed altri dettagli della moto sono stati realizzati per riprodurre il più fedelmente possibile il modello reale. La moto dispone persino di un cambio a due marce "funzionante".


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 299 euro oppure da Unieuro a 399 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Askoll NGS: abbiamo provato la nuova generazione di scooter elettrici | Video

Askoll ha annunciato che la sua nuova gamma di scooter elettrici NGS, già pronta al debutto sul mercato. Abbiamo provato NGS3, si parte da circa 2.500 euro per il base gamma

Askoll ha annunciato che la sua nuova gamma di scooter elettrici NGS è pronta al debutto sul mercato dopo che era stata presentata in anteprima durante l'ultima edizione di EICMA. Si tratta di prodotti realizzati per la mobilità urbana, pensati per potersi muovere agilmente all'interno degli affollati centri delle città. Il produttore vicentino ha lavorato a stretto contatto con Italdesign per sviluppare il design dei suoi tre nuovi veicoli a batteria che si caratterizzano per un look completamente nuovo.

SCOOTER ELETTRICI NGS

La gamma si compone dei modelli NGS1, NGS2 e NGS3. Tutti dispongono di una sella biposto e di uno scudo più protettivo. Inoltre, offrono maggiore sicurezza alla guida. Parlando di tecnica, questi scooter elettrici adottano una nuova trasmissione che li rende ancora più silenziosi. A livello di sospensioni, integrano una soluzione idraulica telescopica sull’anteriore e un mono-ammortizzatore sul posteriore.

Su tutti sono previste ruote da 16 pollici con pneumatici a doppia mescola, morbidi fuori e rigidi al centro. Le batterie sono estraibili: in tal modo le persone potranno portarle a casa per ricaricarle più facilmente. Presente, comunque, la possibilità di alimentarle direttamente sullo scooter collegandole all'apposito caricabatterie. Il tempo per una ricarica completa da 0% a 100% è di circa 3 ore per 1 kWh.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 299 euro oppure da Amazon a 353 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

WoW!, in autunno arrivano i suoi nuovi scooter elettrici

WoW! ha presentato i suoi nuovi scooter elettrici che debutteranno in Europa e in Italia nel corso del prossimo autunno.

WoW!, startup lombarda fondata nel 2019, ha ripreso le sue attività che le permetteranno di portare al debutto in Europa e quindi anche in Italia nel periodo autunnale i suoi primi due modelli di scooter elettrici: il Model 4 (L1e - ciclomotore) e il Model 6 (L3e - motociclo). Per raggiungere questo obiettivo, l'azienda lombarda ha effettuato un aumento di capitale e ha ottenuto l'omologazione Euro 5 dei suoi veicoli.

MODEL 4 E MODEL 6

Parlando di specifiche tecniche, Model 4 dispone di un motore elettrico da 3,9 kW. L'autonomia, con le batterie da 3 kWh, arriva a 106,7 Km. A disposizione anche accumulatori da 2,2 e da 3,4 kWh. Vista l'omologazione come ciclomotore, la velocità massima è di 45 Km/h. Model 6, invece, si caratterizza per un'unità elettrica da 4,73 kW e per un'autonomia sino a 95,8 Km (batterie da 3 kWh). La velocità di punta raggiunge gli 85 Km/h. C'è la possibilità di poter disporre anche di accumulatori da 3,4 kWh.

Per ottenere il 100% di carica, Model 4 ha bisogno di circa 3 - 4 ore e Model 6 di 4 - 5 ore. Le batterie, posizionate esternamente ai lati della sella, nella parte posteriore dello scooter, si possono rimuovere solo dopo aver aperto e sollevato la seduta. Il peso in ordine di marcia degli scooter elettrici (senza batterie) è rispettivamente di 93 Kg per Model 4 e 95 Kg per Model 6.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE