Samsung, annullata ufficialmente la conferenza annuale per sviluppatori

Samsung annulla la SDC 2020 per prevenire la diffusione della pandemia da COVID-19.

La notizia era già nell'aria da più di un mese e adesso è arrivata la conferma ufficiale: Samsung ha annullato l'edizione 2020 dell'SDC (Samsung Developer Conference).

L'appuntamento annuale che l'azienda coreana dedica al mondo degli sviluppatori non si farà e la motivazione, purtroppo, è sempre la stessa a cui siamo ormai abituati da diversi mesi: prevenire i rischi legati alla diffusione del coronavirus.

L'annuncio parte del colosso sudcoreano è arrivato con una breve nota pubblicata sul sito ufficiale:


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

DS 7 CROSSBACK LOUVRE: Plug-in raffinata con visite al museo incluse

DS 7 CROSSBACK LOUVRE è una versione in edizione limitata del SUV Plug-in francese realizzata in collaborazione con il famoso museo di Parigi.

DS 7 CROSSBACK LOUVRE è una nuova esclusiva versione in edizione limitata del SUV francese ed è stata realizzata in collaborazione con il famoso museo di Parigi. In Italia si può già ordinare e sarà disponibile da novembre con prezzi a partire da 60.700 euro. Ne saranno prodotte 150.

DS 7 CROSSBACK LOUVRE

DS 7 CROSSBACK LOUVRE si riconosce per la presenza di specifici badge "Louvre" sul cofano, sul portellone del bagagliaio e sulle porte anteriori. A tutto questo si aggiunge che DS WINGS, cioè il contorno dei finestrini è caratterizzato da una decorazione Gloss Black, così come le barre del tetto e le decorazioni delle luci posteriori. Inoltre, è stato inciso a laser il motivo della Piramide sulle calotte degli specchietti retrovisori. Presenti, poi, nuovi cerchi PARIS da 20 pollici.

Le personalizzazioni di questa versione in edizione limitata si estendono agli interni. Per esempio, il motivo della piramide di Ieoh Ming Pei è utilizzato attraverso una stampa 3D sulle prese d'aria, sul cruscotto e sul coperchio del vano portaoggetti centrale. DS 7 CROSSBACK LOUVRE mostra le opere più importanti del museo francese sull'ampio schermo centrale da 12 pollici dell'infotaimment. Piccola chicca, dei podcast illustreranno i segreti di tali opere.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Oppo Watch, è in arrivo anche la versione con ECG

La versione con ECG (elettrocardiogramma) di Oppo Watch è pronta ad uscire dalla Cina e ad arrivare sul mercato internazionale.

Oppo Watch è arrivato a fine luglio in Italia, e lo abbiamo subito provato nelle due versioni disponibili: ma ce n'è una terza in arrivo. Infatti, rispetto alla versione cinese, quella per il mercato internazionale mancava di una funzione: l'elettrocardiogramma. Non ancora per molto: perché su Weibo proprio Oppo ha pubblicato un poster promozionale che riguarda proprio il modello con ECG: il lancio è previsto tra pochi giorni, il 24 settembre.

Come noto, l'ECG è una funzione che - al di là della sua integrazione hardware - per essere utilizzata ha bisogno di essere approvata in ogni singolo paese in cui il prodotto viene poi commercializzato. A quanto pare Oppo ha già ricevuto il semaforo verde negli USA, e questo quindi spiana la strada a una prima ondata di spedizioni fuori dalla Cina. Restiamo ovviamente in attesa di capire se riceverà le opportune certificazioni anche per l'Italia.

VIDEO


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Logitech MX Anywhere 3: mouse veloce e compatto, l’ideale per la mobilità

Il mouse Logitech MX Anywhere 3 è l’ideale per lavorare in mobilità senza rinunciare alle prestazioni.

Logitech ha presentato il mouse MX Anywhere 3, atteso successore dell'ormai famoso MX Anyhwere 2S annunciato dal produttore svizzero ben tre anni fa. La linea MX Anywhere è destinata soprattutto a chi lavora in mobilità col proprio notebook e necessita di un mouse affidabile e preciso che si sposi ovviamente con un design compatto, tutte caratteristiche che ritroviamo sul nuovo MX Anywhere 3.

Il nuovo modello non stravolge quelle che erano le caratteristiche di base del suo predecessore, partendo dal supporto per la tecnologia di tracciamento Darkfield, capace di garantire il perfetto funzionamento del mouse su qualsiasi tipo di superficie, vetro compreso. Oltre a questa peculiarità, il Logitech MX Anywhere 3 supporta anche la funzionalità Logitech Flow che permette di gestire contemporaneamente tre dispositivi con lo stesso mouse.

La novità più interessante introdotta da Logitech risiede invece nell'utilizzo della rotella MagSpeed, capace di garantire silenziosità e un'altissima velocità di scorrimento: fino a 1000 linee al secondo.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Xiaomi vuole mettere subito Mi 10T nelle mani degli utenti, ecco come

In rete si moltiplicano le prove che vanno nella direzione di un debutto sempre più vicino

Xiaomi è in cerca di esploratori, e l'oggetto della esplorazione sembra proprio essere il prossimo Xiaomi MI 10T - che dovrebbe arrivare in Europa anche in variante Pro. Il produttore cinese ha attivato la pagina Mi Explorers presso il sito ufficiale (è il sito global, non quello cinese) che comunica l'attivazione di un nuovo programma di test dedicato a 10 fortunati utenti che potranno essere selezionati per provare prima del lancio quello che viene definito il più recente prodotto di Xiaomi. I candidati avranno tempo per registrarsi sino a domani (22 settembre), la nomina dei vincitori avverrà il 24 settembre.

L'azienda cinese torna quindi ad attivare un programma già usato in passato per dare modo agli utenti di toccare con mano il prodotto - lo aveva fatto, ad esempio, con il precedente Mi 9T lo scorso anno - e anche se l'annuncio non dice esplicitamente che si tratta di Mi 10T ci sono solidi indizi per ritenere che si parla proprio di questo smartphone. Al di là del fatto che il numero "10" riferito al numero di vincitori è evidenziato nell'annuncio, le indiscrezioni delle ultime ore aggiungono ulteriori prove del fatto che Xiaomi si sta preparando per la commercializzazione.

Dal mercato asiatico è arrivata infatti una foto che raffigura i poster del Mi 10T in bella mostra in un Mi Store thailandese. Oltre al nome del modello e al riferimento che si tratta di una ''series'' (quindi formata da più varianti), si può intravedere parte del frontale e del posteriore dello terminale. L'estetica del modello mostrato nelle immagini coincide con quella dello smartphone già avvistato in rete e caratterizzato dalla fotocamera anteriore alloggiata in un foro nel display e dal modulo posteriore con quattro sensori. Che il debutto della serie Mi 10T sia dietro l'angolo è stato recentemente suggerito anche dal sito di Amazon Spagna presso il quale sono transitati i due modelli (per poi scomparire dopo poco).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Netatmo, il Campanello Intelligente con Videocamera in Italia dal 28/9 a 299 euro

Netatmo porta in Italia il Campanello Intelligente con Videocamera integrata: ecco prezzo e disponibilità per il nostro mercato.

Netatmo ha annunciato l'arrivo sul mercato italiano del Campanello Intelligente con Videocamera. Si tratta dello stesso dispositivo intelligente lanciato oltre un anno e mezza fa al CES 2019 di Las Vegas e che grazie alla presenza della connettività Wi-Fi semplifica la vita dell'utente che potrà così decidere di rispondere da remoto anche quando è fuori casa utilizzando semplicemente il proprio smartphone.

Se qualcuno suona alla porta, infatti, il prodotto avvia in automatico una videochiamata sullo smartphone e in questo modo sarà possibile vedere la persona e decidere – in base a dove ci si trovi in quell’istante - se rispondere direttamente da casa o dallo smartphone grazie al microfono integrato.

Le impostazioni del prodotto sono personalizzabili: quando una persona suona alla porta, l’utente può decidere se ricevere una notifica sul dispositivo tramite l’app Netatmo Security e registrare un video oppure no. Inoltre, con la funzione Alert-Zones, si possono definire delle specifiche aree di controllo e di rilevamento delle persone.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Xiaomi, il pieghevole si fa in tre: da aperto è un tablet vero, da chiuso un mattone

L’ultimo brevetto di Xiaomi mostra un dispositivo che si piega due volte e da aperto ha uno schermo enorme: ma da chiuso lo spessore è forse eccessivo.

I pieghevoli sono ancora dispositivi di nicchia, ma stanno portando sul mercato un po' di freschezza e originalità con i loro form-factor inediti. Quello pensato da Xiaomi nell'ultimo brevetto (registrato dal WIPO il 18 settembre) è quasi più un tablet che uno smartphone. Certo, questa volta niente fotocamere pop-up che spuntano come corna: i bozzetti infatti descrivono un dispositivo diviso in tre parti, che si piega in due punti diversi e che da aperto offre una superficie di lavoro spaziosissima. Il problema è che poi da chiuso diventa un vero e proprio mattoncino.

I pieghevoli al momento si dividono in due categorie: quelli che sfruttano la piega per diventare più piccoli di uno smartphone tradizionale da chiusi (parliamo dunque di prodotti con design a conchiglia come Samsung Z Flip e Motorola Razr), e quelli che invece lo fanno per diventare più grandi (come Z Fold 2 e Mate Xs). In questo caso l'idea proposta da Xiaomi non solo sembra ricadere nella seconda categoria, ma anche sforare. Oltre all'ingombro in tasca, infatti, c'è anche il problema del peso, che sembra ancora eccessivo ad esempio sul nuovo Z Fold 2: un dispositivo fantastico, ma 279 grammi sono tanti.

Non sappiamo se vedremo mai questo brevetto Xiaomi tradursi in realtà commerciale: possiamo però fantasticare meglio grazie ai render dei colleghi di Letsgodigital. In futuro comunque ci dovremo probabilmente abituare a nuove categorie di dispositivi, che abiteranno uno strano crocevia tra i tablet, gli smartphone e i computer veri e propri, con forme e dimensioni diverse.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Mercedes EQA: per il crossover elettrico, il lancio è rimandato al 2021 | Rumor

Mercedes avrebbe posticipato il lancio del crossover elettrico EQA a causa di una serie di problemi tra cui la fornitura delle batterie e lo stop delle attività causato dalla pandemia.

Secondo un rapporto di Autocar, il lancio della Mercedes EQA sarebbe stato rinviato al 2021. In origine, il nuovo crossover elettrico tedesco avrebbe dovuto debuttare nel corso del terzo trimestre del 2020 con l'arrivo nelle concessionarie prima della fine dell'anno. Secondo quanto riferisce la fonte, la riorganizzazione delle attività di produzione delle auto elettriche, la difficoltà di approvvigionamento delle batterie e il lungo stop causato dal lockdown sanitario, hanno costretto il marchio a ritardare il lancio del nuovo modello di circa 6 mesi.

Al momento non sarebbe ancora stata fissata una data per la presentazione del nuovo crossover a batteria anche se il report suggerisce che le consegne, nel mercato inglese, dovrebbero iniziare verso la metà del 2021. Questa nuova autovettura, di cui Mercedes aveva condiviso alcuni scatti dei suoi test invernali, è basata sul modello GLA e dovrebbe essere proposta in due varianti: la prima con un singolo motore elettrico e la trazione anteriore, e la seconda con doppio motore elettrico e la trazione integrale. Addirittura, si specula che potrebbe arrivare una variante ad altre prestazioni a 4 ruote motrici con il marchio AMG.

A seguito di questa decisione, Mercedes, nel 2021, porterà al debutto ben 3 nuovi modelli elettrici. Oltre alla già citata EQA, arriveranno la EQB e l'ammiraglia EQS. Nel 2022, invece, ci sarà la presentazione della EQE. A questo punto non rimane che attendere notizie ufficiali da parte del marchio tedesco sui piani di lancio della sua EQA.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

GeForce RTX 3090 con design blower, la prima versione è di Gigabyte

Gigabyte mostra la prima versione con dissipatore blower della GeForce RTX 3090

Gigabyte ha svelato la prima GeForce RTX 30 con design blower, una soluzione che NVIDIA ha definitivamente abbandonato sulle RTX Founders Edition - in favore della tecnologia Dual Axial - ma che probabilmente vedremo sui modelli più economici con design reference proposti dai partner. La cosa che più sorprende se vogliamo è che il produttore taiwanese ha optato per questo tipo di dissipazione sul modello di punta GeForce RTX 3090, scheda potentissima e decisamente esigente in termini di dissipazione termica.

Come tutte le schede grafiche con design blower, la Gigabyte RTX 3090 TURBO 24G utilizza una singola ventola posta sulla parte finale del PCB, in corrispondenza dei due connettori di alimentazione PCI-E 8pin, collocati però sul retro della scheda. Per ottimizzare la dissipazione della componentistica, e soprattutto dei 24 chip GDDR6X di memoria, è presente inoltre un robusto backplate che opera in tandem con il generoso corpo lamellare posto sotto la cover.

Non sappiamo che efficienza possa avere questo dissipatore sulla GeForce RTX 3090, ma è fuori dubbio che siamo lontani dalle prestazioni offerte da quello utilizzato per la Founder Edition, senza considerare i prodotti completamente custom dei partner. Gigabyte non ha comunicato le frequenze GPU della scheda, i 24GB di VRAM invece operano a 19,5 Gbps su BUS a 384 bit.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE