Volkswagen: 2 miliardi di euro di investimenti per le auto elettriche in Cina

Volkswagen investirà 2 miliardi di euro per intensificare le sue attività in Cina legale alle auto elettriche.

Il Gruppo Volkswagen ha deciso di intensificare le sue attività legate alla mobilità elettrica in Cina. Per farlo, investirà complessivamente ben 2 miliardi di euro. Come prima cosa, incrementerà la sua partecipazione in JAC Volkswagen, la joint venture per l’e-mobility, mettendo sul piatto un miliardo di euro. In questa cifra sono incluse l’acquisizione del 50% di JAG, società controllante di JAC, e l’incremento della quota Volkswagen in JAC dall’attuale 50% al 75%.

Grazie a questo primo investimento, il Gruppo tedesco potrà gettare le basi per l’ampliamento della gamma di modelli elettrici e dell’infrastruttura. Per ottenere questo risultato, però, servirà un altro investimento di 1 miliardo di euro per rilevare il 26% delle quote del produttore di batterie Gotion High-Tech e diventare, così, il suo principale azionista. Questo secondo impegno finanziario è stato fatto soprattutto per potersi assicurare una fornitura sufficiente di batterie necessarie per l'incremento della produzione di veicoli elettrici.

Questa operazione sul fronte degli accumulatori non interferisce con i contratti in corso con altri fornitori. Complessivamente, si tratta di un piano molto ambizioso che, però, non stupisce viste le mire espansionistiche di Volkswagen sul fronte dei veicoli a batteria. La Cina, infatti, è il principale mercato a livello mondiale per la mobilità elettrica. Herbert Diess, CEO del Gruppo Volkswagen, ha dichiarato:


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 462 euro oppure da Amazon a 546 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Volkswagen-Ford: nuovi dettagli sull’intesa per auto elettriche e guida autonoma

Importante passo avanti dell’alleanza tra Ford e Volkswagen sulle auto elettriche e la guida autonoma; ecco i nuovi dettagli.

Nuovo passo avanti di Ford e Volkswagen nella loro alleanza su auto elettriche e guida autonoma siglata lo scorso anno. Si apprende, infatti, che il Consiglio di Sorveglianza del Gruppo tedesco ha approvato ulteriori progetti in seno a questo accordo di collaborazione con il marchio americano. Adesso manca solamente la firma definitiva che, però, oramai, è poco più che una questione formale.

Entrando nello specifico, la prima parte dell'intesa prevede la realizzazione di tre progetti nell’ambito dell’elettrificazione e dei veicoli commerciali leggeri. La piattaforma modulare MEB del Gruppo Volkswagen sarà utilizzata da Ford per un veicolo elettrico in Europa. Un SUV sviluppato da Ford sarà poi adattato da Volkswagen Veicoli Commerciali per alcuni mercati selezionati. Infine, Volkswagen Veicoli Commerciali sarà responsabile per lo sviluppo di un city van, mentre Ford supervisionerà la pianificazione di un veicolo nel segmento da una tonnellata.

In un secondo momento seguiranno altri progetti paralleli all’investimento in Argo AI, azienda specializzata in piattaforme per la guida autonoma. Questa alleanza tra i due marchi che comunque non prevede alcuna partecipazione incrociata, permetterà di ottenere risparmi consistenti da entrambe le parti.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Alpine potrebbe diventare un marchio elettrico premium | Rumor

Il nuovo piano industriale di Renault mette a rischio il futuro di Alpine; alcune voci parlano che il marchio sportivo potrebbe arrivare a produrre auto elettriche ad alte prestazioni.

Il piano industriale di Renault ha messo in discussione il futuro di Alpine. Già poco tempo fa erano emerse alcune voci secondo cui il marchio sportivo poteva essere a rischio a seguito della nuova strategia del Gruppo francese volta tutto al risparmio. Effettivamente, la dirigenza ha sostanzialmente confermato queste indiscrezioni, evidenziando come Alpine sia un marchio bellissimo ma che dovranno studiare una soluzione per fare in modo che possa portare valore all'intero Gruppo.

La decisione definitiva sarà presa da Luca de Meo che a partire dal prossimo primo di luglio prenderà ufficialmente l'incarico di amministratore delegato. Il manager italiano si troverà a gestire quindi una situazione delicata che va ben oltre il futuro di Alpine. La sopravvivenza del marchio sportivo potrebbe, però, essere legata all'elettrificazione. La nuova strategia del Gruppo francese prevede di puntare molto sulle auto elettriche e Autocar ha raccolto alcune voci che affermano che una delle idee prese in considerazione sarebbe quella di trasformare Alpine in un produttore di auto elettriche ad alte prestazioni.

Una scelta che porterebbe un serie di opportunità. Innanzitutto permetterebbe a Renault di mostrare le potenzialità della sua tecnologia elettrica in ambito sportivo e inoltre consentirebbe al Gruppo francese di commercializzare auto a batteria premium. Se questa idea si concretizzasse, rimarrebbe il problema della produzione visto che l'attuale stabilimento Alpine non è strutturato per realizzare auto elettriche. Ovviamente si tratta di voci che vanno prese con le dovute cautele. Se ne riparlerà certamente quando Luca de Meo prenderà in mano il timone di Renault. Dunque, bisognerà attendere ancora alcuni mesi.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tazzari converte il Defender 110 in un veicolo elettrico | Info ufficiali

Tazzari ha deciso di convertire in un mezzo elettrico il fuoristrada Defender 110; in arrivo un kit di conversione?

Tazzari ha preso un Defender 110 e lo ha trasformato in un veicolo elettrico a zero emissioni. I dettagli tecnici non sono tantissimi ma il costruttore afferma che il powertrain è in grado di erogare oltre 200 kW al banco. Il marchio ha poi precisato di aver deciso di mantenere il cambio originale Defender con relativa trazione integrale e possibilità di utilizzare le ridotte. Per fare questo, è stato necessario ridurre la coppia massima e modulare l’erogazione in base a quanto previsto dal cambio originale. Una scelta tecnica che ha il vantaggio di agevolare l’eventuale omologazione del veicolo. Le batterie sono al litio e a seconda della capacità possono offrire da 100 a 500 Km di autonomia.

Il progetto nasce dalla voglia di Tazzari di far confluire le sue tecnologie di elettrificazione in un veicolo gigante, 9 posti, notoriamente imponente e non leggero. Il marchio non esclude, comunque, la possibilità che possano esserci sviluppi commerciali per questo kit di elettrificazione del Defender o per altri dedicati a ulteriori modelli.

Per quanto riguarda il fuoristrada, dalle immagini condivise si notano interni in pelle blu e uno schermo che potrebbe svolgere le funzioni di un piccolo infotaiment (nella foto si intravede la gestione della radio). Il veicolo è ancora un prototipo come si può leggere dalle scritte sulla carrozzeria.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 462 euro oppure da Amazon a 546 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Audi: nuovi servizi per l’acquisto online delle auto

Audi punta sui servizi digitali e ha presentato una serie di nuovi strumenti che permetteranno di acquistare online le auto.

La pandemia da Coronavirus che ha colpito buona parte del modo ha penalizzato fortemente il settore dell'auto. Nei mesi di lockdown, con le concessionarie chiuse, i costruttori di auto hanno dovuto ideare nuove strategie per poter continuare a entrare comunque in contatto con i loro clienti. Per questo hanno iniziato ad intensificare l'utilizzo dei canali digitali. Anche se con la ripresa le attività sono ripartite, i marchi hanno compreso che è necessario continuare a offrire soluzioni di questo tipo.

Per questo, Audi ha deciso di focalizzare la propria attenzione verso questi strumenti lanciando una serie di progetti pilota in Europa. Per esempio, da questa settimana in Francia è possibile comodamente prenotare online da casa le auto presenti negli stock, sia quelle nuove che quelle usate. Basterà versare 100 euro di caparra e l'operazione si svolgerà dal sito Web di Audi. Il rivenditore contatterà poi il cliente per gestire tutti i dettagli contrattuali e organizzare la consegna del veicolo che potrà avvenire presso l'abitazione del cliente.

Questa soluzione sarà gradualmente allargata anche agli altri mercati europei. In Spagna, per esempio, debutterà a giugno. In Germania, invece, è stato avviato un test su di una nuova piattaforma che permette alle persone di poter acquistare direttamente online le auto nuove in stock presso le concessionarie. L'obiettivo è quello di offrire una soluzione digitale completa che copra ogni fase del processo di acquisto di un veicolo. Questa piattaforma sarà inoltre implementata in futuro anche in altri mercati. Accanto a tutto questo, Audi continua a sviluppare servizi di consulenza che saranno offerti in forma virtuale.


Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 356 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Mercedes EQS: nuova immagine teaser dell’ammiraglia elettrica

Mercedes ha condiviso una nuova immagine teaser della sua futura ammiraglia elettrica EQS; le forme sembrano ben più moderne e dinamiche dell’attuale Classe S.

Non è un mistero che la Mercedes stia portando avanti lo sviluppo della EQS, cioè della sua futura ammiraglia elettrica. La casa tedesca in questi giorni ha condiviso una nuova immagine teaser dell'auto. Il veicolo appare ovviamente camuffato ma tanto basta per farsi un' idea del suo aspetto. Sebbene ad un primo sguardo il design non sia così particolare come quello della concept car Vision EQS da cui deriva questo modello, le linee appaiono ben più moderne e dinamiche di quelle dell'attuale Classe S. L'aerodinamica, in particolare, sembra molto più raffinata.

La Mercedes EQS sarà costruita presso la nuova Factory 56 di Sindelfingen, in Germania. Questo sito produttivo aprirà il prossimo mese di settembre. Non è chiaro, tuttavia, quando inizierà la produzione di questo nuovo modello a batteria e soprattutto quando sarà presentato. Per quanto riguarda le specifiche tecniche della prossima ammiraglia elettrica del marchio tedesco, non ci sono dettagli precisi.

La Vision EQS era dotata di un powertrain composto da due motori elettrici in grado di erogare complessivamente 350 kW (475 CV) con una coppia di 760 Nm. Il marchio, per questa concept car, aveva dichiarato un'autonomia sino a 700 Km secondo il ciclo WLTP. (Qui la guida) Possibile, dunque, che l'ammiraglia disponga di una soluzione molto simile a questa. Di recente era emersa un'indiscrezione sul possibile arrivo anche di una variante AMG ad alte prestazioni.


Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 356 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Mercedes EQS: nuova immagine teaser dell’ammiraglia elettrica

Mercedes ha condiviso una nuova immagine teaser della sua futura ammiraglia elettrica EQS; le forme sembrano ben più moderne e dinamiche dell’attuale Classe S.

Non è un mistero che la Mercedes stia portando avanti lo sviluppo della EQS, cioè della sua futura ammiraglia elettrica. La casa tedesca in questi giorni ha condiviso una nuova immagine teaser dell'auto. Il veicolo appare ovviamente camuffato ma tanto basta per farsi un' idea del suo aspetto. Sebbene ad un primo sguardo il design non sia così particolare come quello della concept car Vision EQS da cui deriva questo modello, le linee appaiono ben più moderne e dinamiche di quelle dell'attuale Classe S. L'aerodinamica, in particolare, sembra molto più raffinata.

La Mercedes EQS sarà costruita presso la nuova Factory 56 di Sindelfingen, in Germania. Questo sito produttivo aprirà il prossimo mese di settembre. Non è chiaro, tuttavia, quando inizierà la produzione di questo nuovo modello a batteria e soprattutto quando sarà presentato. Per quanto riguarda le specifiche tecniche della prossima ammiraglia elettrica del marchio tedesco, non ci sono dettagli precisi.

La Vision EQS era dotata di un powertrain composto da due motori elettrici in grado di erogare complessivamente 350 kW (475 CV) con una coppia di 760 Nm. Il marchio, per questa concept car, aveva dichiarato un'autonomia sino a 700 Km secondo il ciclo WLTP. (Qui la guida) Possibile, dunque, che l'ammiraglia disponga di una soluzione molto simile a questa. Di recente era emersa un'indiscrezione sul possibile arrivo anche di una variante AMG ad alte prestazioni.


Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 356 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Karma inizia a testare la sua piattaforma E-Flex ad alte prestazioni

Karma ha iniziato a testare un prototipo di una Revero modificata utilizzando la piattaforma modulare E-Flex pensata per auto elettriche ad alte prestazioni.

Karma Automotive, nel corso delle ultime settimane, ha presentato diverse varianti della sua nuova piattaforma modulare E-Flex che permette lo sviluppo di auto elettriche, anche sportive. Dopo gli annunci, il costruttore è passato ai fatti e ha realizzato un prototipo basato sulla sua Revero dotato proprio di questa architettura tecnica nella variante per modelli ad alte prestazioni. I dettagli condivisi non sono moltissimi. Questa autovettura dispone di ben 4 motori elettrici in grado di erogare complessivamente, secondo il marchio, circa 1.115 CV (820 kW) con una coppia di ben 14.236 Nm.

Il powertrain è alimentato da una batteria da 120 kWh che dovrebbe offrire sino a 400 miglia di autonomia (circa 640 Km). La trazione è integrale. I motori utilizzati sono gli stessi presenti nella Revero GT e quindi già ampiamente collaudati. Questo prototipo svolgerà una serie di test che serviranno a valutare il funzionamento del pacchetto e che la piattaforma soddisfi le aspettative dei partner.

In breve, Karma ha voluto realizzare questo prototipo come "auto vetrina" per dimostrare nel concreto la bontà della sua base tecnica che altri produttori di auto possono acquistare per sviluppare i loro modelli. Non è chiaro, comunque, se da questo prototipo potrebbe poi derivare un qualche modello di serie. Si ricorda, comunque, che il costruttore punta a portare al debutto nel 2021 la Revero GTE, una berlina elettrica che nella versione top di gamma sarà in grado di offrire circa 640 Km di autonomia.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Lancia Ypsilon Hybrid Ecochic: ibrida ed elegante | Immagini e prezzi

Lancia Ypsilon Hybrid Ecochic dispone di un motore ibrido in grado di offrire bassi consumi; il tutto senza rinunciare al consueto stile elegante di questa piccola auto da città.

Lancia Ypsilon Hybrid Ecochic prova a rispondere alle esigenze di mobilità urbana delle persone con un tocco di eleganza. Un modello ibrido non solo efficiente ma pure accessibile che comunque mantiene inalterato quello stile che continua a piacere anche dopo tanti anni, soprattutto alle donne italiane.

LANCIA YPSILON HYBRID ECOCHIC

L'auto è disponibile negli allestimenti Silver e Gold. Rispetto alla dotazione standard, l'allestimento Gold dispone del volante e della cuffia del cambio in pelle, degli specchietti elettrici, dei sensori di parcheggio posteriori, dello scarico cromato, dei cerchi da 15 pollici, delle calotte specchio in nero lucido, dei fendinebbia integrati e del sistema di infotainment Uconnect con Bluetooth e USB, tecnologia DAB (Digital Radio) e servizi live integrati.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Guida autonoma: Amazon mette nel mirino Zoox

Amazon avrebbe messo nel mirino Zoox, startup che sviluppa soluzioni di guida autonoma; le trattative per l’acquisizione sarebbero in fase avanzata.

Non è un mistero che Amazon da tempo lavori su soluzioni per la guida autonoma, tanto da aver creato al suo interno un team dedicato. Adesso, però, la società di Jeff Bezos si starebbe preparando a fare un importante passo avanti. Secondo quanto riportano Wall Street Journal e Financial Times, l'azienda americana avrebbe messo gli occhi su Zoox. Per chi non la conosce si tratta di una startup specializzata nello sviluppo di veicoli senza conducente.

Una realtà nata nel 2014 ma che ha già raggiunto risultati molto importanti. Per esempio è stata la prima ad ottenere l'autorizzazione per poter trasportare passeggeri all'interno dei suoi veicoli in California. Le trattative tra le due società stanno andando avanti e sembrerebbero essere in una fase avanzata. La scelta di puntare su Zoox è molto curiosa visto che Amazon, nel tempo, ha investito nel settore della guida autonoma su altre aziende come Aurora.

Tuttavia, Zoox si trova attualmente in difficoltà finanziaria e l'emergenza sanitaria avrebbe complicato ulteriormente la sua situazione. Lo scorso mese, infatti, la startup era stata costretta a licenziare 100 dipendenti, pari al 10% della sua forza lavoro, proprio a causa di questo problema. A seguito di tutte queste difficoltà, il suo valore attuale sarebbe certamente inferiore a quello di 3,2 miliardi di dollari del 2018 dopo aver concluso il suo ultimo round di finanziamenti.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE